Chi Siamo



La Società Italiana di Medicina Funzionale (SIMF), da molti anni, affianca medici e farmacisti nella loro pratica professionale, offrendo una formazione basata sui principi scientifici della Medicina Funzionale Regolatoria (MFR). L’offerta didattica è molto ampia: eventi monotematici in floriterapia, fitoterapia e integrazione alimentare, corsi di medicina ambientale e di terapia neurale secondo Huneke, scuola triennale di MFR per medici e per farmacisti.

I PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA MEDICINA FUNZIONALE REGOLATORIA

La MFR è una branca della medicina che studia la risposta biologica dell’organismo allo stress, causato da agenti fisici, chimici, biologici e sociali. In quest’ottica, sono considerate di enorme importanza le interconnessioni fra psiche e soma, mediate dai seguenti apparati: sistema nervoso autonomo, immunitario ed endocrino. Ogni persona è caratterizzata da una personale individualità biochimica e fisiologica, pertanto il metabolismo, le condizioni dei pH biologici e la reattività enzimatica hanno un ruolo rilevante.

LA MEDICINA FUNZIONALE REGOLATORIA E LA MEDICINA CONVENZIONALE

La MFR non è in contrapposizione alle conoscenze della medicina convenzionale, piuttosto le integra, fornendo innovativi modelli diagnostico-terapeutici. L’approccio al paziente non è più centrato sulla malattia, piuttosto sulla valutazione delle sue capacità reattive, evidenziando precocemente le alterazioni funzionali. La salute è interpretata dalla MFR non come l’assenza della malattia, ma come un equilibrio biologico dinamico, capace di far fronte agli stress di qualsiasi natura. L’anamnesi in MFR deve tener conto di alcuni fattori come la qualità del sonno, la nutrizione, la genetica, l’esercizio fisico, l’inquinamento ambientale e lo stress.

LA VALIDITÀ SCIENTIFICA DELLA MEDICINA FUNZIONALE REGOLATORIA

La MFR ha come base lo studio dell’unità funzionale: Cellula e Matrice Extracellulare. In effetti, la MFR ha sempre rivolto grande attenzione alla Matrice Extracellulare (MEC). Numerosi corsi SIMF sono, da anni, dedicati al riequilibrio della MEC: drenaggio, idratazione, regolazione del pH, rimozione delle tossine. Nel 2012, sull’autorevole rivista “Circulation”, Wong e collaboratori hanno pubblicato un articolo dedicato alla MEC cardiaca, valutando 793 pazienti con la risonanza magnetica (Circulation 2012;126:1206-1216). Le conclusioni sono strabilianti: una MEC malata aumenta drammaticamente la mortalità dei pazienti suggerendo quindi che sarebbe opportuno avviare un trattamento specifico sulla Matrice stessa. Noi della SIMF lo sosteniamo da anni.

I MODELLI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI DELLA MEDICINA FUNZIONALE REGOLATORIA

La MFR si avvale degli stessi strumenti diagnostici convenzionali, integrandoli con apparecchiature avanzate di diagnosi funzionale, basate sull’analisi bioelettrica e di biorisonanza. Queste apparecchiature forniscono un ottimo ausilio terapeutico, talora superando in efficacia alcune terapie farmacologiche, come l’impiego di FANS nel dolore cronico. La MFR si avvale anche delle più valide conoscenze terapeutiche in campo di fitoterapia, nutraceutica, floriterapia, omeopatia, terapia neurale secondo Huneke e medicina ambientale.